MARTA GARCÍA MANSILLA

IL BRANCO Il progetto artistico “Il Branco” nasce come proposta d’installazione che mantiene uno stretto legame con l’ambiente che lo ospita, dal punto di vista fisico e strutturale. Consiste in una serie di 4/5 sculture che rappresentano un branco di lupi. Le dimensioni sono di 160 x 90 x 30 cm circa ognuno, e saranno realizzati con rami e tronchi raccolti sul territorio, intrecciati tra loro ed in parte interrati. I lupi verranno collocati lungo il sentiero, lasciando qualche metro di spazio tra loro per creare una sorta di presenza che accompagna lo spettatore durante il percorso della sua visita. L’idea è di creare la presenza del ritorno del lupo e farla integrare nella natura. La tecnica permette di disegnare nello spazio una sorta di scarabocchio tridimensionale, che si fonde con gli ambienti dei boschi planiziali di Muzzana.

Share this post

MARTA GARCÍA MANSILLA (MADRID – SPAGNA)

Giovane artista poliedrica di origine spagnola, arrivata in Italia per arricchire il proprio bagaglio artistico e culturale.
Il suo lavoro attuale si concentra per lo più sul rapporto esistente tra individuo e quotidiano, interessandosi in particolar modo sui meccanismi sociali e comportamentali esistenti nella complessa architettura della società attuale. Queste ricerche le esprime principalmente con installazioni scultoree dove le opere sono plasmate sulla figura dell’essere umano, e trovano la loro reale forma nella materia di cui sono composte, permettendo una sorta di metafora del reale e di cruda verità.
“Per quanto riguarda le mie influenze spazio da Cortázar a Bukwoski, da Egon Schiele a Chiharu Shiota ma anche tanta musica” ha dichiarato l’artista.
Figlia d’arte, da sempre appassionata di scultura e disegno, ha frequentato svariati corsi formativi artistici: dapprima all’Accademia di disegno Artium Peña di Madrid e diplomandosi presso l’istituto tecnico superiore – scuola d’arte “La Palma”, sempre a Madrid, in Arti Applicate alla Scultura, specializzata nella lavorazione del disegno, pietra e metallo; per poi frequentare l’Universidad Compultense di Madrid, che nel 2013 la porta poi al nostro Paese grazie ad una borsa di studio per un Erasmus presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Conseguita la laurea in Belle Arti nel 2014 presso l’università madrilena, decide di tornare in Italia alla ricerca di nuovi stimoli e per concludere il ciclo di studi: si iscrive, dunque, all’Accademia di Belle Arti di Bologna, dove consegue, nel 2017, la laurea magistrale in Arti Visive.
Ha partecipato a varie mostre, residenze, simposi e concorsi in Spagna, in Italia ed in Croazia.
“Appena sono venuta a conoscenza di questo bando di Land Art, ho pensato subito fosse una bellissima opportunità di realizzare un’opera in Situ per un luogo così affascinante! Allo stesso modo ho visto l’opportunità di mettermi in gioco, e conoscere altri artisti con cui confrontarmi … Mi permetterebbe di vivere appieno quest’esperienza” ha detto Marta, parlando del concorso Land Art Lupanica 2018.